Criteri di scelta per l’acquisto dei giochi prima infanzia da masticare: cosa valutare? Materiali, caratteristiche generali, età, costi

Se siete arrivati a leggere questo articolo è probabilmente perché anche i vostri bambini hanno iniziato a masticare tutto quello che capita loro sotto mano!

La fase della dentizione è molto fastidiosa per i piccoli, e si ripercuote anche sui genitori, che fanno di tutto per alleviare il fastidio cercando giochi prima infanzia da masticare. Questi, però, devono essere scelti nel modo corretto tra le numerose tipologie esistenti in commercio.

In questa guida vi verranno fornite tutte le informazioni necessarie al riguardo, e anche qualche piccolo consiglio.

La fase della dentizione

La fase della dentizione comincia nei bambini intorno ai 6 mesi, anche se per alcuni si prolunga verso gli 8 mesi.

Dai 4 mesi in poi, quindi, potete notare nei piccoli la produzione di salivazione abbondante, preludio di quella che sarà la vera e propria dentizione da lì a due mesi dopo. Arrivati a questo punto, i bambini inizieranno a mordicchiarsi le manine e a masticare qualsiasi cosa, anche il vostro mento quando cercate di baciarli!

È questo il momento di proporre loro dei giochi da masticare, per sollevarli dal fastidio e per tutelare lembi di lenzuola e di cuscini, oltre che menti

Quali materiali scegliere

La scelta del materiale dei giochi da masticare è molto importante, soprattutto perché sono oggetti che i bambini metteranno in bocca per molte ore al giorno. Proprio per questo, i materiai dei giochi da masticare devono essere naturali e devono essere trattati con colori atossici, quando presenti.

Via libera quindi al legno, al cotone, al silicone e al gel, tutti trattati senza presenza di sostanze tossiche. Tutti i materiali devono essere privi di plastica, PVC, BPA e Ftlati.

Per essere certi della loro sicurezza, scegliete solo giochi che riportino sulla confezione il marchio CE, e che quindi rispettano le direttive europee sulla sicurezza dei giocattoli.

Per approfondire l’argomento, leggete la nostra guida dedicata, in cui è spiegato anche come riconoscere un falso marchio CE da uno originale.

L’ergonomia

Il bambino deve poter afferrare con molta facilità i giochi da masticare, quindi l’ergonomia è un fattore molto importante.

Scegliete giochi che non siano poi troppo grandi per le loro manine, a meno che non siano già più grandicelli. Per quanto riguarda la forma, in commercio trovate un po’ di tutto, da frutti di vario tipo, ad ogni genere di alimento (gelato, donuts, hamburger ecc.), animali di vario tipo…

Potete sceglierli piatti o dalla forma tondeggiante. Non c’è una regola, ma dipende molto dalla preferenza dei bambini.

Il consiglio è quello di acquistare diverse tipologie di giochi prima infanzia da masticare, in modo che il bambino scelta quello che maggiormente lo aiuta a sollevarsi dal fastidio.

I giochi da masticare più usati

Indubbiamente, i massaggiagengive classici in gel o silicone, piatti e con la superficie ruvida che massaggia e dona sollievo alle gengive, sono quelli più gettonati. Negli ultimi anni, in commercio si trovano anche i graditissimi anelli in legno, sui quali è spesso legato un pezzetto di stoffa di cotone a mo’ di orecchiette di coniglio.

In questo modo, i bambini hanno modo di masticare il legno o la stoffa, in base al sollievo che riescono a provare in quel momento. Un altro classico è il portachiavi con anello in legno e chiavi in silicone o in gel, apprezzato da molti bambini.

I guantini da dentizione, poi, hanno la punta delle dita in silicone, con dei piccoli rilievi. Quando il piccolo porterà istintivamente le mani alla bocca, riuscirà a massaggiare le gengive, provandone sollievo immediato.

Ci sono poi dei simpaticissimi animaletti in silicone, provvisti di manici che i bambini possono afferrare agevolmente e portare alla bocca.

Altre tipologie

In questi anni, stanno spopolando anche altri tipi di giochi prima infanzia da masticare, che vi elencheremo di seguito.

Bracciali e collanine da masticare

Sono dei particolari bracciali e collanine che vengono indossati dai bambini, formati da inserti piatti o tondeggianti che possono essere di diversi materiali, ad esempio anelli in legno e palline in silicone.

I bambini li hanno sempre a loro disposizione e li useranno al bisogno, senza che dobbiate continuamente proporli voi o prendere gli oggetti che spesso scivolano dalle loro manine.

Giochi da bagno da masticare

Sono dei giochini da utilizzare anche dentro la vaschetta o la vasca da bisogno. In questo caso hanno la doppia funzione di rendere allegro il momento del bagnetto e, all’occasione, di alleviare il fastidio alle gengive. Attenzione a non aggiungere bagnoschiuma, quando li fate utilizzare ai piccoli, altrimenti potrebbero ingerirlo.

Consigli utili

Quando arriva il momento della dentizione, anche gli equilibri sonno-veglia si stravolgono, per i fastidi alle gengive dei piccoli. Molti genitori tendono subito a cercare la soluzione in rimedi più o meno naturali, pur di aiutare i propri piccoli. Tuttavia, ciò che dà loro più sollievo, è proprio masticare qualcosa.

Il consiglio è quello di dare al bambino diversi giochi masticabili durante il giorno, per poi aiutarlo con altri tipi di rimedi solo durante la notte.

Mentre dormono, infatti, è difficile proporre loro qualcosa da masticare. Inoltre, scegliete possibilmente rimedi naturali o omeopatici, che sono sempre i più sicuri per i piccoli. Ovviamente, prima di scegliere qualsiasi tipo di prodotto, parlatene sempre prima con il vostro pediatra, perché anche le erbe potrebbero dare problemi in soggetti intolleranti o allergici.

Stessa cosa dicasi per l’omeopatia, i cui rimedi devono essere somministrati seguendo delle regole ben precise, per essere efficaci e sicuri.

I prezzi

I prezzi dei giochi da masticare sono accessibili a tutti. Si parte da un minimo di 6 euro per un singolo pezzo, per arrivare a circa 25 euro per i kit assortiti di giochi prima infanzia da masticare. L’unica accortezza che è ancora necessario sottolineare, è quella di fare attenzione alla qualità dei prodotti che acquistate.

Se il prezzo di questi oggetti è di molto inferiore ai 6 euro, diffidate della loro sicurezza, in quanto probabilmente vi trovate di fronte a un prodotto senza marchio CE.

Questi, vengono soprattutto dai paesi asiatici, in cui non vengono spesso rispettate le normative comunitarie sulla sicurezza dei giocattoli. E quando si tratta di bambini, risparmiare eccessivamente può anche voler dire far correre loro dei rischi che potrebbero essere evitati.

Mamma blogger, scrittrice, ghostwriter e web content writer. Mi divido tra la soddisfazione dei bisogni delle mie piccole pesti e la scrittura. E ancora non ho capito quale delle due attività mi dia più soddisfazione!

https://rominacardia.wordpress.com/

Back to top
menu
giocattoliprimainfanzia.it