Giocattoli prima infanzia in plastica: migliori prodotti di Giugno 2021, prezzi, recensioni

Il mondo dei giocattoli per l’infanzia è invaso soprattutto dalla plastica, un materiale che sta facendo parlare molto di sé, soprattutto dall’ultimo decennio.

La lotta alla plastica è sempre più dura, tanto che la Comunità Europea è intervenuta con delle direttive anche per regolare il suo utilizzo al fine della produzione dei giocattoli.

Un giocattolo realizzato con plastica che contiene determinate sostanze tossiche in percentuali molto alte, è assolutamente controindicato per i bambini.

Tuttavia, i controlli sui giocattoli prima infanzia in plastica sono molto severi e, se questi sono scelti con attenzione, potete evitare pericoli ai vostri piccoli.

Ma quali sono queste sostanze nocive? In presenza di quali percentuali dovete preoccuparvi? Come scegliere i giocattoli in plastica?

In questa guida, troverete tutte le domande alle vostre risposte.

I giocattoli prima infanzia in plastica

I giocattoli in plastica sono generalmente quelli più attraenti sia per i bambini che per gli adulti.

Sono infatti quelli che generalmente, rispetto ad altre tipologie con materiali diversi, come per esempio il legno, hanno maggiori funzioni.

Un giocattolo in plastica solitamente è anche provvisto di meccanismi interni alimentati da batterie, che attivano suoni, luci e movimento.

I bambini sono molto attratti da tutto questo, e talvolta passano molto tempo a giocare con essi.

Ma non tutti i giocattoli in plastica hanno queste particolarità. Alcuni sono formati da parti piccole da comporre (come i mattoncini o i puzzle), altri da bambole non meccanizzate, robot, soldatini ecc.

Il problema è che, se questi non sono trattati seguendo le normative che ne regolano la produzione, i piccoli sono a rischio.

È quindi importante che voi sappiate scegliere bene i giocattoli in plastica, in modo da evitare tutto ciò.

La normativa europea

La sicurezza dei giocattoli è regolamentata dalla Direttiva europea 2009/48, alla quale l’Italia si è adattata per promulgare una legge nazionale nel 2011.

Entrambe leggi, impongono delle regole ben precise riguardo all’immissione sul territorio europeo in generale e italiano in particolare, di giocattoli sicuri.

All’interno, sono presenti delle indicazioni chiare relative all’utilizzo dei prodotti all’età consigliata.

La normativa garantisce che tutti i giocattoli presenti nei negozi europei siano sicuri, e affronta anche il problema dell’importazione da Paesi extraeuropei (soprattutto asiatici) in cui tale attenzione non è spesso dimostrata.

In Italia ci sono centinaia di controlli al giorno da parte delle forze dell’ordine, per evitare che vengano immessi sul mercato giocattoli pericolosi.

Tuttavia, la moda di acquistare on line direttamente da fornitori cinesi o simili, mette comunque a rischio continuamente la sicurezza.

In diversi Paesi, infatti, continuano ad essere usate sostanze tossiche in percentuali molto alte, senza che vi sia alcuna regolamentazione.

Cosa dicono le normative

Le normative sostengono che sostanze tossiche come il piombo, il cadmio, l’antimonio, il cromo e gli ftalati, devo possibilmente essere evitati nella produzione dei giocattoli o quantomeno utilizzate in percentuali non superiori all’1%.

La presenza di queste sostanze tossiche, infatti, può provare danni di varia natura ai bambini, in quanto sono quelli che li assorbono maggiormente.

Tra l’altro, i piccoli portano spesso le cose alla bocca e le annusano continuamente, perché fa parte del loro modo di conoscere il mondo.

Queste azioni, però, li mettono maggiormente a contatto di queste sostanze tossiche. Ecco perché è importante che voi sappiate scegliere i giocattoli prima infanzia in plastica.

Come sceglierli

Detto ciò, non dovrete negare del tutto i giocattoli in plastica ai vostri bambini, ma imparare a scegliere quelli che non siano pericolosi per la loro salute.

Per fare ciò, dovrete seguire innanzitutto quattro semplici regole:

  1. Non acquistate giocattoli in plastica nelle varie bancarelle, in quanto non siete sicuri della provenienza del prodotto.
  2. Controllate sempre la certificazione e comprate giocattoli che riportano sulla confezione o sull’etichetta il marchio CE, attestazione del fatto che il produttore si è impegnato a seguire tutte le regole di produzione stabilite dall’Unione Europea.
  3. Acquistate giocattoli in plastica solo da produttori e negozi qualificati (sia fisici che on line) di cui è riconosciuta la serietà. Chicco, Fisher Price, Clementoni, Lisciani, sono indubbiamente tra i più sicuri, solo per fare degli esempi.
  4. Non acquistate giocattoli nei vari e-commerce asiatici. Non fatevi allettare da un prezzo troppo basso, perché potreste acquistare giocattoli che potrebbero mettere in pericolo la salute dei bambini.

A proposito del marchio CE, leggete sempre anche le etichette dei giocattoli, per vedere dove sono stati prodotti.

Potreste trovarvi di fronte a un giocattolo che riporta un falso marchio CE.

Se acquistate in un negozio valido o comunque una marca riconosciuta, difficilmente può accadere, anche perché i controlli sono molto alti e raramente la merce arriva in negozio, se contraffatta.

Il problema è che voi potreste averli acquistati da siti poco conosciuti o conosciutissimi ma non sicuri.

Oppure magari hanno regalato un giocattolo in plastica per il vostro bambino e non ne conoscete la provenienza.

In questi casi, se è presente il marchio CE, non fidatevi immediatamente. Imparate a riconoscerne i falsi.

In questo sito, trovate guide in cui è affrontato l’argomento della certificazione dei

giocattoli, in cui viene spiegato anche come riconoscere un marchio CE originale.

Conclusioni

Per concludere, potete continuare ad acquistare macchine, camioncini, robot multifunzione, cubi multiattivitá, sonagli e qualsiasi tipo di giocattoli in plastica per i vostri bambini.

L’importante è che li scegliate con impegno e che impariate a non farvi bluffare.

È poi anche importante che attenzioniate i vostri bambini durante il gioco, in modo da evitare il più possibile che li portino alla bocca.

La prudenza non è mai troppa, quando si tratta di bambini!

Quando potete, prediligete i giocattoli in legno, piuttosto che in plastica.

Sono molto meno luminosi e sonori, si sa, ma aiutano il piccolo a sviluppare maggiori abilità e, soprattutto, sono molto più sicuri.

Anche per questo argomento, vi rimando alla lettura delle guide dedicate su questo sito.

Comunque sia, seguendo le semplici regole presenti in questa guida ed avendo le necessarie accortezze, potete fidarvi dei produttori che, con onestà, lavorano per offrire prodotti che tutelano la salute dei bambini.

Scegliere i giocattoli per i vostri bambini, non è un gioco. Ma permettere a loro di giocare in totale sicurezza, diventa quasi un dovere morale.

Mamma blogger, scrittrice, ghostwriter e web content writer. Mi divido tra la soddisfazione dei bisogni delle mie piccole pesti e la scrittura. E ancora non ho capito quale delle due attività mi dia più soddisfazione!

https://rominacardia.wordpress.com/

Back to top
menu
giocattoliprimainfanzia.it